Ministro Istruzione: “Stop al Reddito di Cittadinanza per chi non ha studiato”

Stop al Reddito di Cittadinanza per chi non termina gli studi. È la proposta avanzata dal ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, a seguito di una ricerca condotta sui percettori RdC nella fascia d’età tra i 18 e i 29 anni.

Dall’indagine è emerso che in Italia i maggiorenni under 29 percettori del sussidio sono 364.101: di questi, il 38% arriva massimo al titolo di licenza media. Un dato inquietante a detta del Ministro, il quale ritiene inaccettabile moralmente pagare il sussidio a chi ha deciso di abbandonare gli studi: sarebbe come “legittimare e addirittura premiare una violazione di legge”.

La soluzione, riportata da Il Sole 24 Ore, la illustra lo stesso Valditara:

«Ebbene, noi riteniamo si debba prevedere l’obbligo di completare il percorso scolastico per chi lo abbia illegalmente interrotto o un percorso di formazione professionale nel caso di persone con titolo di studio superiore ma non occupate né impegnate in aggiornamenti formativi, pena in entrambi i casi la perdita del reddito, o dell’eventuale misura assistenziale che dal 2024 lo sostituirà. Questi ragazzi preferiscono percepire il reddito anziché studiare e formarsi per costruire un proprio dignitoso progetto di vita. […] Un ragazzo non può consapevolmente rinunciare a coltivare i suoi talenti in qualunque forma, ed essere contemporaneamente pagato dallo Stato».

In pratica, o si colma il gap o si perde il Reddito di Cittadinanza. Stando alle parole del Ministro, l’obbligo riguarderebbe sia il percettore che ha concluso gli studi ma non è occupato né impegnato in un corso formativo, sia colui che gli studi non li ha proprio conclusi abbandonando la scuola prima del termine consentito dalla Legge (16 anni).

L’articolo Ministro Istruzione: “Stop al Reddito di Cittadinanza per chi non ha studiato” proviene da TuttoLavoro24.

Lascia un commento