Matteo Salvini, “strapazzami di coccole”: le foto con Francesca Verdini sul settimanale Chi. E sullo stesso numero c’è anche Calenda ‘in posa’

Strapazzami di coccole“. Questo il titolo del settimanale Chi, il giornale diretto da Signorini mostra le immagini della vacanza lampo di Matteo Salvini e Francesca Verdini. Paparazzati, anche se non sembrano particolarmente sorpresi dalla presenza di chi fotografa, a Poltu Quatu (Sassari). Scatti in cui il leader della Lega e la fidanzata sono avvinghiati in piscina tra bagni e carezze.

La comunicazione politica in campagna elettorale passa anche dai settimanali rosa? In questo caso Verdini (più giovane di diciannove anni) mostra un fisico mozzafiato e una capigliatura inedita e selvaggia. Dicevamo coccole in libertà. Lei immobilizza il fidanzato tenendolo con le gambe dentro la piscina, mani sui capelli. Il tempo di un selfie e poi in posa per uno scatto. Feeling di coppia mostrato nei tre giorni di quasi riposo e spensieratezza. “Andiamo d’accordo, sono felice”, ha risposto recentemente il leader del Carroccio a chi chiedeva conto del suo rapporto con la fidanzata, impegnata come produttrice cinematografica, a cui è legato da tre anni.

Il settimanale edito da Mondadori nello stesso numero propone anche un’intervista al leader di Azione Carlo Calenda. Quest’ultimo sceglie un diverso approccio, scatti posati realizzati da Massimo Sestini, in compagnia della moglie e i suoi tre figli: “La famiglia mi sostiene, stacco solo quando sono Violante e i miei bambini Mia moglie mia madre sono le mie consigliere.”

Nel numero precedente Chi aveva paparazzato Giorgia Meloni a Forte dei Marmi, ospite al Twiga, stabilimento di proprietà di Daniela Santanché, esponente di Fdi, e Flavio Briatore. Nessuna foto in costume, il compagno Andrea Giambruno assente per lavoro, solo una partita a carte con gli amici. Uno stile più asciutto.

L’articolo Matteo Salvini, “strapazzami di coccole”: le foto con Francesca Verdini sul settimanale Chi. E sullo stesso numero c’è anche Calenda ‘in posa’ proviene da Il Fatto Quotidiano.

Lascia un commento